Filice Antone Guelfucci
( cliquer pour texte en français)

Umaggiu di Minicale à Filice Antone à principiu di a Festa di u Viulinu 1998

Stu 2 lugliu 98, Filice Antone Guelfucci si ne hé andatu.

Senza rimore, senza privene...Mancu u tempu di dilli avvèdeci...Sarà statu cusì prissatu ? Quale l'avarà chjamatu ? Ch'avarà avutu di cusì urgente ?
Si ne hè andatu sguasi fughjendu... Un pocu cum'è quand'ell'era zitellu è ch'ellu surtìa à l'appiatu pà u purtellu par andà à sente i sunadori.
Oghje hà rispostu à a so chjama è hè andatu à ritruvalli quassù. È oghje piènghjenu i viulini...
U nostru quatrigliu cusì alegru rompe ancu ellu u so rìttimu è ogn'unu misura a so pena.
Filice Antone quì ùn ci pudìa più sunà. Allora hè partutu à u locu di e sunate eterne. È avà tutti l'anziani sunadori si tròvanu riuniti.
Sicondu ciò chì si dice, pàssanu u so tempu à sunà. Cun à pena di sinsibilità in core, si pò porghje l'arechja à u vintelellu... Sintite ? Sò elli....
(
(

 

 

 

Filice Antone Guelfucci hà sempre avutu a passione di a mùsica. Ma quand'ellu era zitellu, i parenti tandu ùn parmittianu tanti vezzi. Quand'ellu ci era un ballu in paese, Filice Antone è u fratellu Marcellu si ne fughjianu pà u purtellu, è andàvanu à sente, piatti, ben intesa, i sunadori di viulinu è d'urganettu. À dece anni ampara à sunà di viulinu cù un so parente, Marcu Turchini chì dopu l'accumpagnarà à u bansgiò. Cusi cumencia à sunà cù i vecchji sunadori di Sermanu è di u circundariu, fendu ballà e nuttate sane à nantu à quelli sulaghji affulinati...

... È po, hè obligatu di parte à stantassi u so pane. Trenta anni in le Poste in Parigi, è po in Aiacciu, fècenu chità u so viulinu. Trent anni di silenziu sinu à sittanta trè.

Tandu cambia tuttu. U figliolu, Petru, cumencia à girà a Còrsica cù un gruppu di giòvani cantadori chì prummèttenu di rende a so piazza à a mùsica corsa. Sta rinàscita di a cultura nustrale torna à dalli a voglia di sunà. Allora, sottu à e dite forse un pocu stanche rinviviscenu quatriglii, valsi, mazurche è scultisce.. qqu

Hè un soffiu novu chì hè datu à una mùsica chi ognunu cridìa oramai sparita.

Oghje, sà numarosi i giòvani chi sònanu u viulinu. È tutti sò stati furmati à a listessa scola, quella di Filice Antone Guelfucci.

Cusì, dopu avè fattu ballà u so paese, Filice Antone hà participatu à a rinàscita culturale di a Còrsica, fendu scopre u quatrigliu è furnmendu una generazione di giòvani sunadori.

Ma u quatrigliu hà cambiatu (un pocu) dapoi 73. Da cinque figure ne semu oghje à più d'una cinquintina. Bè o male ? Sì Filice Antone ci avìa amparatu un ballu senza vita, spentu, una pezza di museu, l'avarìamu, ballattu un sùppulu è à u capu d'uni pochi di mesi ne avarìamu avutu una techja. Ma invece, ci hà trasmessu un veru soffiu di vita, un diàvule di ballu pienu di forza ch'un dummanda cà à riparte.

In fatti, Filice Antone ci hà amparatu calcosa di più cà di mette u pede quì o u bracciu cusì. Ci hà offertu u spìritu di u ballu nustrale, u piacè d'esse omi è donne inseme ~quessa hè capita~ u piacè di ballà in cumunu, di ride è di fà festa ind'unu spìritu di simpatìa, di vulè cumunicà cù l'altri.

Oghje, a Còrsica sana ritrova u piacè di ballà u quatrigliu. Tutti l'anni cresce a dummandia par fà associ igni locu, è i zitelli l'ampàranu in le scole. Ind’istu mondu di sulitùtine di più in più fretu, u quatrigliu casca à puntu cum’è un bisognu generale : quellu di ritruvacci par fà festa inseme.

retour homepage

.